L’ingrediente magico

Per tutta la prima parte della mia vita, non ho affatto avuto la chiarezza che ho adesso riguardo a me stessa e al piano divino della mia anima!

Ho inseguito a lungo obiettivi che, pur essendo piacevoli e stimolanti, non nutrivano veramente la mia anima e, al contrario, mi creavano uno stress continuo. Fino ai quarant’anni passati, era come se non fossi veramente “dentro la mia vita”. A volte, avevo addirittura la sensazione che una parte della mia coscienza fosse avviluppata da una nebbia mentale, da una sorta di ovatta che mi impediva di entrare in contatto con un nucleo saldo e autentico dentro di me.

Poi, grazie a Dio, ho scoperto le tecniche dei “solchi” di Yogananda. Ho cominciato a comprendere meglio il concetto di felicità, di potere personale, di libertà. Piano piano, si è creato spazio dentro di me per nuove possibilità, per un modo più libero e autentico di esprimere la “vera me” e il piano divino per la mia vita.

Ho anche cominciato a comprendere meglio gli insegnamenti di Yogananda sulla manifestazione: come far sì che quella “me” e che quel “piano” prendessero veramente forma.

All’inizio, però, tutto questo era ancora in larga misura una replica della mia vecchia modalità: sono IO che devo applicare le tecniche, IO che devo contattare la mia anima, IO che devo attivare la volontà, ecc ecc. Ed è tutto vero, in effetti! La nostra parte è fondamentale, e dobbiamo metterci tutta la nostra intenzione, volontà, determinazione, concentrazione, passione… e chi più ne ha più ne metta! Ma, sempre più, mi sto rendendo conto che l’ingrediente magico è un altro… ed è…

LA FIDUCIA!!!

La fiducia (o “fede”) è la chiave che ci fa rilassare. Che ci permette di lasciar andare il bisogno di controllo e l’ansia per i dettagli. Che ci fa ricevere pienamente tutto il potere dello Spirito. Che ci rende capaci di fluire e di accogliere tutto quello che viene incontro nella vita. È come alzare la vela con tutte le nostre forze e capacità per poi godersi la gita in barca lasciandoci trasportare dal vento, anziché sfinirsi remando tutto il tempo…

Quando sviluppiamo questa fiducia, ci apriamo anche a possibilità molto più vaste di quelle che avremmo mai potuto concepire. Possiamo raggiungere orizzonti molto lontani e per ora perfino invisibili, distanze che non avremmo mai potuto coprire con la nostra piccola barchetta a remi!

Ma come si fa? Ecco alcune semplici pratiche con le quali possiamo allenarci (alcune probabilmente le conoscete già, specialmente se avete letto il mio libro Come manifestare i desideri dell’anima).

1. Innanzitutto, possiamo cominciare col fare un elenco di tutte le volte in cui la Vita ci ha sorpreso con soluzioni, eventi, persone e opportunità che sembravano fuori dalla nostra portata, impossibili, addirittura inconcepibili… ma che sono accadute! Quando pensavamo di dover remare (o forse addirittura naufragare!) e invece il vento ha sospinto la nostra vela fino alla meta e anche oltre!

2. Se conoscete le tecniche dei solchi, potete poi installare quella consapevolezza e le sensazioni positive che l’accompagnano sotto forma di solchi positivi: di fiducia, di sicurezza, di protezione, di poter ricevere il meglio dalla vita, ecc.

Se non conoscete ancora le tecniche dei solchi (oltre a partecipare ai corsi in cui le condivido!) potete creare un’affermazione positiva e iniziare a ripeterla con intensità, per creare nuovi circuiti neuronali nel vostro cervello.

Entrambe le tecniche vi permetteranno di cambiare rapidamente il vostro atteggiamento e il vostro magnetismo!

3. Sempre sull’onda dei solchi positivi, alla fine delle vostre meditazioni potete concentrarvi sul percepire interiormente un’amorevole Presenza, che vuole darvi il meglio, che vuole sostenervi e proteggervi. E potete concludere la meditazione con un senso di gratitudine per quella Forza potente che vi sostiene e vi guida nel cammino della vostra vita.

4. All’inizio della giornata, potete concentrarvi su tutti i pensieri di negatività, incertezza o fatica che affiorano nel pensare alla giornata che vi aspetta, e trasformarli in pensieri colmi di positività e fiducia. Ad esempio, invece di pensare “Chissà come sarà questa giornata!” o “Chissà che rogne dovrò affrontare oggi!”, cercate di pensare “Chissà quante meravigliose esperienze mi porterà questa giornata!” o, ancora meglio “Grazie per le meravigliose esperienze che vivrò oggi e che mi stanno già venendo incontro!”.

5. Alla fine della giornata, potete dedicare qualche attimo a un pensiero di gratitudine alla Vita per qualcosa di bello che vi è successo durante la giornata, o “semplicemente” per la meraviglia di essere coinvolti in questa grande avventura di evoluzione. (Sì, lo so che quando siamo nel mezzo di una malattia o di gravi difficoltà può non essere facile e neppure forse possibile… Fate del vostro meglio). Cercate di portare nel subconscio, durante il sonno, questo senso di gratitudine e di aspettative positive, in modo da svegliarvi con il piede giusto il mattino seguente.

E se già fate tutto questo… approfonditelo sempre più!!! Vogliamo arrivare a vivere ogni istante della nostra vita immersi in questo flusso, sentendo il “vento” dello Spirito che soffia nelle nostre vele, dando per scontato che ci capiteranno esperienze di gioia, abbondanza, amore, crescita ed espansione. Vogliamo aggiungere a tutte le nostre giornate questo “ingrediente magico”, che trasformerà la nostra vita e ci farà splendere ogni giorno di più !

Ciao, sono Sahaja!

Forse abbiamo in comune molte cose, o forse una soltanto… Vuoi scoprirla?

Newsletter

Riceverai subito una visualizzazione guidata per far risplendere la tua luce interiore!

    Accetto le condizioni della Privacy Policy e desidero iscrivermi alla newsletter*

    Considera ogni problema come un’opportunità. Ogni qual volta demolisci gli ostacoli che ti si presentano, rafforzi la tua capacità di conquistare la vittoria finale.

    Leggi altri articoli dal blog